Imprenditori di Confindustria Umbria visitano gli impianti dell’Acciai Speciali Terni

Società delle Fucine

Società delle Fucine

Si è riunita nella sede dell’Ast di Terni, luogo simbolo dell’industria italiana e umbra, la Giunta di Confindustria Umbria, organo consultivo della nuova Associazione regionale degli Industriali dell’Umbria nata il primo luglio scorso dalla fusione delle territoriali di Perugia e di Terni.

Oltre sessanta gli imprenditori presenti che, accompagnati dall’amministratore delegato di Ast, Marco Pucci, hanno avuto l’occasione di visitare gli impianti della Terni, una città nella città, le cui produzioni consentono al Gruppo di collocarsi tra le aziende siderurgiche più importanti nel mondo.

Prima di cominciare la visita nelle diverse aree produttive, Pucci ha ripercorso la storia dell’Ast cominciata nel 1884, quando la città di Terni fu scelta per ospitare il più grande complesso industriale dell’Italia unita, denominato “Società degli Alti Forni, Fonderie ed Acciaierie di Terni”. Oggi il Gruppo Acciai Speciali Terni opera in Italia e all’estero nel campo della produzione e distribuzione degli acciai speciali (inossidabili, basso legati e al carbonio), destinati principalmente al settore alimentare, agli elettrodomestici, all’edilizia, ai casalinghi, alla produzione ed utilizzazione di energia, ai trasporti, all’industria di base, a quella meccanica e siderurgica.

Del gruppo Ast, fanno parte Terninox, società leader in Italia per la distribuzione di prodotti in acciaio inossidabile, la Società delle Fucine, specializzata nella produzione di grandi fucinati destinati particolarmente al settore dell’energia, il Tubificio di Terni, specializzato nella produzione di tubi in acciaio inox saldati per marmitte catalitiche e per usi decorativi, e Aspasiel, specializzata in soluzioni informatiche per aziende industriali e servizi infrastrutturali.

La visita agli impianti è cominciata proprio dalla Società delle Fucine che dispone della pressa più grande d’Europa, che consente di realizzare manufatti di enormi dimensioni. Gli imprenditori hanno poi percorso, partendo dall’area fusoria, tutti i reparti del ciclo produttivo.

I nostri imprenditori – ha sottolineato il presidente di Confindustria Umbria Umbro Bernardini – hanno apprezzato molto la possibilità di visitare un impianto così importante che rappresenta una parte significativa della storia economica di Terni e un fondamentale tassello dell’industria regionale. Basti pensare che gran parte dell’export della nostra regione è legato ai prodotti realizzati qui e inviati in tutto il mondo”.

Nel 2014 l’Ast raggiungerà il traguardo dei 130 anni. Un traguardo importante che l’azienda ha voluto cominciare a celebrare con un mostra fotografica dal titolo “La Terni in posa. Immagini dall’Archivio storico della Società, 1907-1965”, in cui sono esposte alcune delle migliaia di immagini appartenenti al fondo fotografico dell’Archivio storico dell’azienda siderurgica. La mostra è stata inaugurata il 25 ottobre nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni in corso Tacito a Terni e rimarrà aperta fino al 6 gennaio 2014.

A conclusione della visita si è svolta – all’interno della Biblioteca dell’Ast – la riunione della Giunta di Confindustria Umbria – durante la quale sono stati affrontati i temi legati alla programmazione dei fondi comunitari 2014-2020. All’incontro ha partecipato anche la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini che ha illustrato in modo molto dettagliato le modalità di assegnazione dei fondi alle Regioni da parte dell’Europa. Inoltre la Presidente si è soffermata sulla programmazione regionale sottolineando la volontà di coinvolgere gli imprenditori nella programmazione operativa per individuare le priorità da affrontare.