Umbria Business Matching 2016

banner2RASSEGNA STAMPA UBM 2016

Con 270 imprese, tre delegazioni estere, 50 buyer, Università, centri di ricerca, associazioni e enti del territorio, ha preso il via venerdì 25 novembre, Umbria Business Matching, il mini Expo promosso e organizzato da Confindustria Umbria.

L’evento, alla sua seconda edizione, si è svolta al padiglione 9 del Centro Fiere di Bastia Umbra.

A inaugurare l’iniziativa sono stati Ernesto Cesaretti, presidente di Confindustria Umbria, Giorgio Mancaroni, presidente di Unioncamere Umbria, Fabrizio Figorilli, prorettore dell’università di Perugia, Giovanni Paciullo, rettore dell’Università per Stranieri, Pietro Buzzi direttore area impresa di Intesa Sanpaolo che ha sostenuto l’iniziativa. “Una  iniziativa  di successo – ha sottolineato Cesaretti –  nata l’anno scorso per far conoscere tra loro gli imprenditori associati. E che quest’anno abbiamo ampliato alle delegazioni estere, coinvolgendo anche le imprese delle regioni limitrofe. L’iniziativa ha richiesto un impegno importante che siamo stati in grado di affrontare grazie agli sponsor. Una ringraziamento particolare va alle istituzioni del territorio, a partire dall’università, con cui si fa sempre più stretta la collaborazione”.

La manifestazione è  nata per favorire e sostenere una reciproca conoscenza tra le realtà economico-imprenditoriali del territorio e per verificare opportunità di collaborazioni nazionali e internazionali.

Nell’arco della giornata al Centro Congressi, accanto al padiglione, si sono svolti una serie di appuntamenti tra cui tre Country presentation dedicate a Tunisia, India e Argentina cui hanno partecipato i rappresentanti delle rispettive Ambasciate. Nel pomeriggio si è svolto il workshop organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria dal titolo L’economia dei cambiaMENTI, dedicato alla share Economy e al Crowdfunding.

A conclusione del workshop è stato sottoscritto un protocollo di intesa tra i Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria e i Giovani Imprenditori di UTICA, la Confindustria Tunisina nell’ambito del progetto YEES NET gestito da Umbria Export e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

L’accordo, che prevede di avviare un percorso stabile e continuativo di collaborazione, è  stato sottoscritto da Wafa Laamiri, presidente dei giovani Imprenditori di Utica Tunisia e da Marzio Presciutti Cinti, presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria.

Uno spazio particolare all’interno della manifestazione è stato riservato alle aziende del settore Agroalimentare della Valnerina. Nei giorni scorsi Confindustria Umbria ha organizzato, presso Valle di Assisi Resort, un incontro tra i rappresentanti della Grande Distribuzione Organizzata e della ristorazione e le aziende della Valnerina cui hanno partecipsto anche gli altri operatori del settore agroalimentare dell’Umbria per definire un programma di attività di medio e lungo periodo con l’obiettivo di promuovere il territorio della Valnerina e dei suoi prodotti.

Attraverso un accordo con ADACI, Associazione nazionale cui aderiscono i responsabili degli Uffici acquisti aziendali, sono stati programmati circa 300 incontri B2B.

CHI c’era:

  • 270 aziende
  • 3 Paesi ospiti (Tunisia, India e Argentina)
  • 7 aziende tunisine
  • Enama
  • 9 Poli e Reti di impresa promossi dall’Associazione
  • Gli enti del sistema Confindustria Umbria
  • Università degli Studi di Perugia
  • Università per Stranieri
  • 7 Centri di ricerca nazionali (ASI, CNR, ENEA, INAF, INFN, INRIM e Lab. Scienze Sperimentali)
  • Izsum-Istituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria-Marche
  • Intesa San Paolo
  • Gepafin
  • Sviluppumbria
  • Camere di Commercio di Perugia e Terni
  • SACE
  • SIMEST
  • RETEINDUSTRIA (con 20 aziende nazionali convenzionate)
  • Fondazione Cassa Risparmio Perugia e Fondazione CariPerugiaArte
  • Media Partner (Corriere dell’Umbria, Umbria TV, Umbria 24 e Radio Gente Umbria)