Confindustria Umbria News

Il notiziario di Confindustria Umbria

Formazione: i percorsi di Its Umbria Academy  per superare il mismatch tra domanda e offerta di lavoro

Formazione: i percorsi di Its Umbria Academy  per superare il mismatch tra domanda e offerta di lavoro

Its Umbria Academy è stato giudicato dal Miur per la seconda volta in tre anni il migliore Its d’Italia con una media di inserimenti occupazionali pari all’80% e punte del 100%.

Un risultato di tutto rilievo che è stato sottolineato stamani in occasione dell’Assemblea di Its Umbria Academy, l’accademia di alta specializzazione post diploma, gratuita e biennale promossa dal Ministero dell’Istruzione e dalla Regione Umbria e gestito a livello regionale da una Fondazione di partecipazione di cui fanno parte: associazioni di categoria, università, istituti superiori, ordini professionali e aziende.

Il Presidente Giuseppe Cioffi, nella sua relazione di apertura, ha tracciato le linee di sviluppo dei prossimi anni e ha condiviso i rilevanti risultati raggiunti dall’Academy nella valutazione del Ministero.

“Its Umbria Accademy – ha sottolineato il presidente Cioffi – è una opportunità per i giovani e per le imprese che riconoscono nel percorso di formazione dell’Accademia il miglior interprete del loro fabbisogno di personale specializzato. Questo sistema formativo costituisce una valida risposta per far fronte al mismatch fra domanda di competenze espressa dalle imprese e profili reperibili sul mercato. Gli straordinari risultati conseguiti dall’Academy regionale sono strettamente collegati al suo radicamento sul territorio ed al conseguente contributo offerto dai principali stakeholder della Fondazione: le imprese, l’Università degli Studi di Perugia, le scuole e la Regione Umbria”.

All’Assemblea è intervenuto anche l’Assessore regionale all’Istruzione Antonio Bartolini che ha sottolineato come, in un’ottica di continuità e mantenimento degli standard qualitativi e quantitativi raggiunti, “la Regione ha deciso di rinnovare il suo impegno nel sostenere tali percorsi di eccellenza, attraverso la previsione di risorse aggiuntive nella riprogrammazione del POR Umbria Fondo Sociale Europeo 2014-2020, auspicando che il lavoro di squadra e il forte coinvolgimento nelle attività del tessuto produttivo umbro, dell’Università di Perugia, delle scuole del territorio regionale, alla base del successo degli ITS, possa mantenersi e anzi rafforzarsi nell’immediato futuro”.

Durante l’Assemblea è stato evidenziato come le potenzialità di questo sistema di istruzione potranno essere ulteriormente sviluppate. “Il futuro della formazione terziaria, in Umbria così come a livello nazionale – ha proseguito Cioffi – sarà strettamente legato ad un ulteriore sforzo comune di tutti i principali partner che già oggi hanno reso possibile, con la propria partecipazione, il raggiungimento di obiettivi prestigiosissimi”. Nell’autunno 2018, infatti, agli indirizzi già attivi se ne aggiungerà un ulteriore dedicato all’Impresa Digitale per formare nuove risorse umane con competenze focalizzate sulle nuove tecnologie. Ciò è stato possibile grazie al contributo aggiuntivo con cui il Miur ha premiato gli Its più virtuosi e grazie alla presenza del Laboratorio Meccatronico che, inaugurato a Foligno nel dicembre 2017, rappresenta un esperimento unico nel panorama nazionale ed è la riproduzione fedele di una realtà aziendale innovativa, ispirata a Industria 4.0, completa di tutti i processi (dalla progettazione, alla prototipizzazione, alla produzione, al collaudo fino alla logistica) così da consentire una metodologia didattica fortemente applicativa.

Con riferimento al rapporto con le imprese, Cioffi ha auspicato che l’Its possa diventare, nell’immediato futuro, un partner privilegiato per l’attuazione di piani pluriennali di sviluppo e di inserimento di personale specializzato.

Proprio sulla futura configurazione dell’Academy, Cioffi ha messo in evidenza l’esistenza di una politica nazionale il cui obiettivo è quello di far evolvere gli Its Academy in Hub che potranno configurarsi come veri e propri Centri di Trasferimento Tecnologico, secondo i dettami del piano di sviluppo Impresa 4.0.

Solo con un’azione corale di tutti i partners e gli stakeholders degli Its, ha concluso Cioffi, sarà possibile raggiungere questo obiettivo ambizioso che vedrà i Centri di trasferimento tecnologico diventare un valore aggiunto per le imprese e ancor di più per l’intero territorio e la collettività.

“Attraverso la realizzazione di questo progetto – ha concluso Donatella Porzi, presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria – abbiamo dimostrato che anche in una piccola regione, quando c’è volontà di fare squadra, si possono ottenere e mantenere grandi risultati. Nel corso di questi anni siamo stati capaci di valutare quanto stavamo facendo e, quando necessario, siamo stati capaci di rivedere e correggere la programmazione. L’obiettivo è ora comunicare le opportunità esistenti, andando ad ampliare il bacino dei fruitori. Quando abbiamo giovani formati, seri, capaci di investire su se stessi avremo sicuramente meno costi da altre parti, che sono voci di bilancio che vorremmo risparmiarci con grande piacere e soddisfazione”.

Che cosa è Its Umbria Academy

ITS Umbria Academy è una accademia tecnica di alta specializzazione post diploma, completamente gratuita che, al termine di percorsi formativi di durata biennale, offre elevatissime opportunità di occupazione, superiori all’80 per cento. Mette a disposizione dei diplomati e delle imprese del territorio umbro sei ambiti di specializzazione tecnico-professionale: Meccatronica (esperti in gestione e programmazione della produzione, progettazione CAD-CAM, lavorazioni a CNC,  stampa 3d, sistemi di automazione e robotica, Industria 4.0); Agroalimentare (esperti in trasformazione agro-industriale, preparazione e somministrazione di prodotti alimentari, processi di comunicazione, promozione e commercializzazione dei prodotti caratteristici del territorio); Sistema Casa (esperti in edilizia ecosostenibile ed antisismica ed operatori BIM – Building Infomation Modeling); Biotecnologie (esperti in gestione dei processi produttivi per aziende dei comparti chimico, ambientale e dei biomateriali);  Impresa digitale (esperti in Industrial Internet of Things, Cybersecurity, Big data e, più in generale, in tecnologie per la digitalizzazione delle imprese); Internazionalizzazione (esperti in comunicazione, marketing e commercio estero).

ALLEGATI

Nessun allegato presente.

AUTORE: Maria Luisa Grassi
DATA: 21 MAG 2018
TAGS:
Ricerca notizie