Iniziative Imprese Associate

Fertitecnica Colfiorito incontra il Direttore Generale della Fao

Fertitecnica Colfiorito incontra il Direttore Generale della Fao

Colfiorito 2 agosto 2019 – La più alta carica della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, il Direttore Generale José Graziano da Silva ha incontrato nei giorni scorsi i dirigenti dell’azienda umbra Fertitecnica Colfiorito.  Da Silva ha elogiato l’intraprendenza dell’impresa umbra, che dal 2017 è partner strategico per il conseguimento degli SDG, gli “obiettivi di sviluppo sostenibile” (sustainable developement goals): in particolare l’obiettivo #zerohunger (#famezero) entro il 2030. Fertitecnica Colfiorito è stata infatti la prima PMI italiana a siglare, nel 2017, un accordo di collaborazione con l’importante agenzia internazionale. Un riconoscimento prestigioso per un’azienda che, a dispetto della taglia, è leader italiano del mercato dei legumi secchi, cereali e semi.

Nel corso dell’incontro da Silva ha avuto modo di interessarsi alla storia delle origini dell’azienda ed ha accolto con entusiasmo le idee per gli sviluppi futuri.

L’incontro è stato anche l’occasione per consegnare al Direttore Generale della FAO i primi frutti tangibili del progetto di cause related marketing (“marketing legato ad uno scopo”): delle confezioni di Quinoa Real biologica coltivata da piccoli produttori della Bolivia selezionati proprio dalla FAO. Il prodotto è già stato lanciato sul mercato in occasione della fiera Tuttofood a Milano, in presenza dell’ambasciatore Boliviano Carlos Aparicio Vedia, ed è già stato inserito nelle maggiori catene italiane.

“Attraverso questo progetto – spiega Ivano Mattioni, presidente di Fertitecnica Colfiorito – forniamo ai coltivatori dei paesi in via di sviluppo un accesso al mercato, che nonostante l’alta qualità del prodotto si trovano spesso sotto la soglia della sussistenza, senza mezzi e conoscenze adeguate per crescere. Come noi siamo partiti da zero, crescendo assieme al territorio grazie alla rete che si è creata con il lavoro, così vogliamo supportare altre realtà. Parte del ricavato della vendita, inoltre, sarà devoluto in progetti di crescita gestiti da FAO stessa, che potrebbero andare dal migliorare la formazione dei coltivatori a tutto ciò che può permettere un progresso stabile e duraturo.”

L’iniziativa ha fornito supporto ai piccoli coltivatori anche attraverso le visite e la consulenza dello stesso personale dell’azienda, favorendo lo scambio di conoscenze ed esperienze. Tutto ciò in linea con il mandato dell’accordo, che si propone di “contribuire all’eradicazione della fame, dell’insicurezza alimentare e della malnutrizione” e di “consentire sistemi agricoli e alimentari più inclusivi”.

“Il nostro è un piccolo contribvuto – prosegue Alessio Miliani, direttore generale di Fertitecnica Colfiorito e regista dell’accordo – ma dimostra che si possono raggiungere risultati significativi in una cooperazione tra una grande organizzazione internazionale ed una media azienda. Vogliamo invitare proprio a rivolgere maggiore attenzione alle PMI, specie in Italia dove costituiscono il tessuto imprenditoriale nazionale. È chiaro che le grandi multinazionali hanno una forza in termini di risorse a cui non possiamo arrivare individualmente, ma è anche vero che numerosi “non-grandi”, unendo le loro forze, possono raggiungere risultati altrettanto significativi. Ringraziamo per questo i nostri referenti in FAO, che hanno creduto in questa collaborazione.”

“Questo per noi – conclude Ivano Mattioni – è un altro passo nello sviluppo di quelle per che noi sono le Filiere di Valore, basate sul rapporto con le persone e mirate ad una crescita che sia benefica per tutti. Lo facciamo già da anni in Italia, con rapporti storici con centinaia di agricoltori e cooperative che ci consentono di avere costantemente il miglior prodotto, ma anche di contribuire a mantenere il presidio agricolo sui territori, stimolando l’occupazione, la biodiversità e lottando contro l’abbandono delle campagne.”

 

Fertitecnica Colfiorito
Fondata nel 1984 dalla famiglia Mattioni nell’Altopiano di Colfiorito, da cui prende il nome, l’azienda è leader italiano nel mercato dei legumi secchi, cereali e semi, presente in oltre il 90% delle catene. Una posizione consolidata grazie anche alla forte spinta verso l’innovazione, sia nei processi che nei prodotti: ai prodotti tradizionali si sono affiancati prodotti sempre più innovativi, dai piatti pronti agli snack. L’obiettivo è fornire un servizio in termini di praticità, rapidità ed attenzione al benessere, permettendo il consumo di questi preziosi ingredienti naturali in ogni momento della giornata. Il fatturato del gruppo, che impiega oltre 100 persone FTE, nel 2017 ha superato i 43 milioni di €, una crescita di +66% nell’arco di 3 anni che conferma la strategia vincente e la capacità di intercettare i bisogni dei consumatori.

 

per maggiori informazioni:
Michele Santilocchi
Ufficio Marketing
m.santilocchi@fertitecnicacolfiorito.it
Fertitecnica Colfiorito Srl
www.colfiorito.it
Tel. 0742 681 442

 

AUTORE: Maria Luisa Grassi
DATA: 02 AGO 2019
TAGS:
Ricerca iniziative