Istruzione e impresa insieme. L’esperienza dell’Istituto industriale “Allievi-Sangallo”

Convegno16gen_PrimoPiano“Le imprese hanno bisogno di diplomati tecnici per sviluppare nuovi prodotti più competitivi, affrontare nuovi mercati esteri, rivedere i propri costi di produzione per contrastare la concorrenza internazionale. Senza gli istituti tecnici non esisterebbero molte importanti realtà del Made in Italy. Gli istituti tecnici hanno una tradizione non meno nobile di quella dei Licei e continuano a produrre ottime professionalità per le imprese”. È quanto ha sostenuto stamani Claudio Gentili, Vice direttore Education di Confindustria nazionale, ospite del convegno Scuola e impresa si incontrano. L’esperienza dell’istituto industriale di Terni a quattro anni dalla riforma degli ordinamenti degli istituti tecnici che si è svolto mercoledì 16 gennaio nella sede dell’IIS Tecnologico Tecnico Industriale e Geometri “Allievi-Sangallo”. “Questa scuola, fondata nel 1860 – ha ricordato Gentili – è uno degli istituti tecnici più antichi d’Italia e ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo industriale di Terni grazie anche all’intuizione del presidente Luigi Corredi di introdurre tra i primi in Italia all’inizio del 1900 l’indirizzo per perito industriale meccanico-metallurgico”

Il workshop è stata anche un‘occasione per presentare i risultati del progetto che, dal 2011, l’Istituto industriale di Terni sta realizzando in collaborazione con il tessuto imprenditoriale ternano. Si tratta di un progetto, coordinato dalla Sezione di Terni di Confindustria Umbria, nato con l’obiettivo di avvicinare l’offerta didattica e formativa delle scuole alle esigenze del sistema produttivo locale. A tal fine, dopo un periodo di confronto, sono state messe a punto alcune azioni come: l’integrazione dei programmi di studio, l’introduzione di moduli didattici di approfondimento tenuti da imprenditori e manager (126 ore di insegnamento, 18 docenti provenienti da dieci realtà aziendali), la realizzazione di stage pomeridiani (13 aziende coinvolte e 60 studenti) e di tirocini estivi in azienda (30 aziende e 120 studenti) e il rinnovamento dei laboratori didattici.

I risultati del progetto – realizzato con un budget complessivo di circa 100 mila euro – sono stati introdotti da Carla Santini, docente e referente ITIS “Progetto Confindustria” mentre alcuni giovani allievi dei diversi indirizzi in cui è articolato l’Istituto hanno raccontato la propria esperienza e i risultati conseguiti.

Al termine del seminario è stato inaugurato il laboratorio della scuola arricchito di nuove macchine utensili acquistate grazie al supporto delle aziende associate alla Sezione Territoriale di Terni di Confindustria Umbria, della Carit e della Camera di Commercio di Terni. Grazie al loro contributo è stato possibile sistemare gli spazi del laboratorio, mettere in sicurezza le macchine ancora utilizzabili e acquistare nuovi macchinari tra cui nove torni e un macchinario per il taglio dei metalli. Al convegno erano presenti numerosi rappresentanti delle imprese coinvolte nel progetto

“L’inaugurazione di un laboratorio tecnico – ha sottolineato Antonio Alunni, Vice Presidente della Sezione territoriale di Terni di Confindustria Umbria – rappresenta sempre un momento importante, a maggior ragione in un periodo come questo in cui le risorse economiche sono scarse.  Oggi si realizza un sogno partito dalla considerazione che gli istituti tecnici della nostra città necessitavano di interventi di ammodernamento.  Nel futuro di Terni c’è l’industria, cuore pulsante della nostra città e della nazione. Per questo bisogna investire sulle risorse umane e farlo con uno sforzo corale. Se questa prima fase del progetto si è compiuta, infatti, non è soltanto grazie a una buona idea ma è grazie all’impegno e alla costanza che tutti i protagonisti hanno profuso protesi verso un obiettivo comune”.

Il seminario è stato introdotto e coordinato da Cinzia Fabrizi, Dirigente scolastico dell’Istituto “Allievi-Sangallo. Sono intervenuti, inoltre, Caterina Pampaloni di Unioncamere nazionale, Giancarlo Cencetti dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria, Mario Fornaci, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, Enrico Cipiccia, Presidente della Camera di Commercio di Terni, Stefania Cherubini e Vittorio Piacenti D’Ubaldi, rispettivamente Assessore all’Istruzione e Assessore al Bilancio della Provincia di Terni.

Il workshop è stato aperto dai saluti di Maria Letizia Melina Direttore Generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi del Ministero Istruzione Università e Ricerca, Domenico Petruzzo, Dirigente Ufficio Scolastico Regionale e Leopoldo di Girolamo, Sindaco di Terni.